Home | Info | Network: Pianetacellulare | Androidlandia | Clicklettorimp3 | Pianeta PC | Videofotocamere



Sei Qui:
 

consigli utili

Poi e Gps: archivi e directory dove reperire punti Gps e Poi per il tuo navigatore

Telefonia Fissa e Mobile Informazioni utili su Telefonia, Voip e Cellulari

Computer, Notebook e Videogams: Informazioni utili su Computer, Notebook e Videogams

Locali Online Informazioni utili su Locali e Divertimento Online

Marketing e Promozione:Informazioni utili su Marketing e Promozione

Aziende e Lavoro:Informazioni utili su aziende e lavoro

Viaggi e Vacanze: Blog e siti di viaggio, per scoprire il mondo con il Gps

GPS: i terremoti disturbano la rete dei satelliti

27/05/13 - Mappe - Articolo letto 2373 volte

Eventi naturale di una certa rilevanza sono in grado di creare disturbo al segnale dei navigatori GPS. Un esempio? Il violento terremoto registrato pochi giorni fa in Russia di magnitudo 8,3 è in grado di creare disturbi ai dati Gps. Ma come può accadere questo?

Il Sistema di Posizionamento Globale (abbreviato GPS) è un sistema di posizionamento e navigazione satellitare civile che, attraverso una rete satellitare dedicata di satelliti artificiali in orbita, fornisce ad un terminale mobile o ricevitore GPS informazioni sulle sue coordinate geografiche ed orario. La localizzazione avviene tramite la trasmissione di un segnale radio da parte di ciascun satellite e l'elaborazione dei segnali ricevuti da parte del ricevitore.

GPS

Nell'arco degli ultimi anni, ci sono stati importanti cambiamenti a livello di trasmissioni del segnale GPS, già dal 2000, causati dai grandi terremoti. Lo dice un recente studio pubblicato sul Journal of Geophysical Research, che conferma che i terremoti con il livello di magnitudo oltre il grado 8.0, possono provocare effetti negativi sulla crosta terrestre. Il sistema GPS è fondamentale per il calcolo delle orbite dei satelliti, ma anche per monitorare l’innalzamento del livello del mare, e i cambiamenti della crosta terrestre sono quindi in grado di cambiare il modo in cui i satelliti raccolgono le informazioni.

I movimenti orizzontali che lo studio ha analizzato vanno da oltre dieci millimetri per l’arcipelago Indiano o la zona occidentale del Sudamerica a meno di due millimetri per il territorio africano occidentale o negli Stati Uniti d'America. Brevi distanze, ma che creano non pochi problemi nella raccolta dei dati del Gps.

Al sito LiveScience Paul Tregoning, che ha seguito lo studio, ha dichiarato: "Variazioni nella posizione delle stazioni di riferimento si traducono in errori nelle misurazioni. Dobbiamo trovare un modo per affrontare il problema e la comunità scientifica deve lavorare ad un metodo per stimare tutti gli spostamenti, in modo da correggere i calcoli".

news collegate