Home | Info | Network: Pianetacellulare | Androidlandia | Clicklettorimp3 | Pianeta PC | Videofotocamere



Sei Qui:
 

consigli utili

Poi e Gps: archivi e directory dove reperire punti Gps e Poi per il tuo navigatore

Telefonia Fissa e Mobile Informazioni utili su Telefonia, Voip e Cellulari

Computer, Notebook e Videogams: Informazioni utili su Computer, Notebook e Videogams

Locali Online Informazioni utili su Locali e Divertimento Online

Marketing e Promozione:Informazioni utili su Marketing e Promozione

Aziende e Lavoro:Informazioni utili su aziende e lavoro

Viaggi e Vacanze: Blog e siti di viaggio, per scoprire il mondo con il Gps

Studenti dirottano uno yacht manipolando il GPS

31/07/13 - Produttori - Articolo letto 2527 volte

Tutti i veicoli e le applicazioni che usano il segnale Gps sono in teoria facilmente violabili. La conferma arriva con la notizia che due studenti e un professore dell'università di Austin nel Texas sono riusciti a dirottare uno yacht usando un dispositivo da 800 euro, senza che qualcuno a bordo della nave se ne accorgesse.

yacht

Si chiama 'spoofing' in gergo tecnico l'operazione di hacking in cui si sostituisce un'identità a un'altra, in questo caso una coordinata GPS con un'altra.

Il test è stato fatto con il consenso del proprietario dello yacht, appunto per dimostrare che si può dirottare una nave manipolando il GPS. A 60 chilometri dalle coste pugliesi, gli studenti Bhatti e Pesyna hanno attivato un segnale Gps 'alternativo' cambiando la rotta della nave.

"Il finto segnale ha superato quello vero, fino a prendere il controllo della nave", scrivono gli studiosi in un comunicato stampa. 'La nave ha cambiato direzione, e tutti potevamo percepirlo, ma per gli strumenti a bordo stavamo andando in linea retta" continua la nota.

Un rapporto di Tadayoshi Kohno della University of Washington di Seattle e Stefan Savage della University of California at San Diego aveva già dimostrato in passato che è possibile con uno sforzo minimo prendere il controllo del Gps dell'automobile e anche di altre funzioni regolate dai computer di bordo, come l'apertura delle porte.

Insomma, serve sviluppare un antivirus anche per i navigatori GPS a questo punto.

news collegate